02 ago 2017

Mio fratello rincorre i dinosauri - Giacomo Mazzariol » Recensione

➳ Titolo: Mio fratello rincorre i dinosauri
➳ Autore:  
Giacomo Mazzariol
➳ Editore: 
Einaudi
➳ Pagine
: 174
➳ Prezzo€16,50 cartaceo €7,99 ebook


➳ Trama
Mi chiamo Giacomo Mazzariol, ho diciotto anni. Vivo in una cittadina del Veneto con i miei genitori, le mie sorelle Chiara e Alice e mio fratello Giovanni. Io sono il secondogenito, Giovanni è il più piccolo; ci togliamo sei anni. Ci sono alcune cose che dovete sapere, di Giovanni. Lui è uno che, se va a prendere il gelato e gli chiedono: "Cono o coppetta?", risponde: "Cono!", e se io gli faccio notare che poi il cono non lo mangia dice: "Be', neanche la coppetta la mangio!" Giovanni è uno che paga, prende il resto e lo butta via con lo scontrino. È uno che ruba il cappello a un barbone e scappa. Che ama i dinosauri e il rosso. Che va al cinema con una compagna di classe, torna a casa e annuncia che si è sposato. Che balla in mezzo alla piazza, da solo, al suono della musica di un artista di strada, e uno dopo l'altro i passanti cominciano a imitarlo: Giovanni è uno che fa ballare le piazze. Per lui il tempo è sempre venti minuti, mai più di venti minuti: se uno va in vacanza per un mese, è stato via venti minuti. Ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle, e se è inverno e non ne trova, porta loro foglie secche. Giovanni sa essere estenuante, logorante. Giovanni ha dodici anni e un sorriso più grande dei suoi occhiali. È molto meno bravo di me in matematica, però è più simpatico. Giovanni ha un cromosoma in più.

➳ Recensione


Come sempre anche questo era un libro che da tempo avevo in programma di leggere.. programmi che poi tiro per le lunghe ma prima o poi ci riesco. Sempre più poi che prima.

"Arrabbiarsi con le persone a cui vuoi bene significa amarle. Quando riuscii a dire che mio fratello era un bastardo mi sentii davvero libero." (pag.158)

Già dal titolo si capisce che si tratta di un libro ''particolare'', di una storia diversa dalle altre. Ora non ricordo esattamente cosa avesse suscitato nella mia mente il titolo, il fatto di averlo letto ovviamente influenza i miei giudizi.
Leggendo la trama, poi, tutto diventa più chiaro e già si ha un'idea sfocata di ciò che si andrà a leggere.
Il fatto che sia una storia vera rende il tutto più... non so, più.


Loro due sono i protagonisti di questo libro, soprattutto Giovanni, il bambino con la maglietta rossa, sarà la vera star del libro.

Un libro che parla di una realtà le cui particolarità, con tratti positivi e difficoltà annesse, stanno riuscendo a risvegliare una società ancora chiusa mentalmente.
Un tratto positivo che ho trovato ammirevole è la sincerità con il quale è stato scritto.
Non è tutto rosa e fiori, non è un "è stato facilissimo dall'inizio, come se non fosse nulla di diverso da ciò a cui ero abituato", no.
Le difficoltà nel libro emergono, è facile per i lettori entrare dentro una mentalità adolescenziale che sta affrontando la situazione di avere un fratello "speciale".

"Chi è che aveva scritto la nostra storia? Chi è che aveva sceneggiato la relazione tra me e Giovanni, e tra me, lui e il mondo, chi? Nessuno. Eravamo noi gli scrittori. Mia poi la responsabilità di decidere come sarebbe finita la nostra storia. Nessuno instillava la paura del giudizio nel mio cuore, ero io a nutrirla." (pag. 123) 

 Prima ho usato il termine "diverso" volutamente. Perchè un messaggio importante che dovrebbe circolare è che "diverso" non è sinonimo di "strano" "peggiore di noi/me". Diverso è un qualcosa che magari necessita impegno per la comprensione, diverso è qualcuno da cui si può sempre imparare. Diversi siamo tutti, semplicemente ci piace etichettarci come tutti uguali solo perchè tendiamo a comportarci secondo convenzioni, ma se ci togliessimo questi limiti allora saremmo capaci di notare le nostre differenze senza disprezzarle.

"Prima di quel giorno pensavo che il silenzio fosse assenza di rumore. Invece il silenzio è un suono, e c'è silenzio e silenzio." (pag. 54)

 Un libro che che sotto certi aspetti è possibile considerarlo "fresco", non una lettura pesante, ecco.
 I concetti chiave, nonostante ciò, arrivano al lettore con una facilità e ovvietà quasi spiazzanti. Tra un episodio di vita e l'altro, ci si affeziona a questa storia e ai suoi personaggi. Si impara a comprendere quali sono le vicende che riguardano tutti, chi più chi meno.
In poche pagine scritte quasi come un diario personale si racchiude la forza di abbattere i muri del pregiudizio.


Questa è "The Simple Interview" che i due fratelli hanno realizzato.
Per chi ancora non l'avesse vista (è abbastanza famosa su Internet e Social), la lascio qui.
Guardatela, ne vale veramente la pena.
"Be authentic, be spontaneous."


Una commovente fonte di ispirazione.
Voto: 5 frecce su 5



Nessun commento:

Posta un commento

Ditemi cosa ne pensate, i vostri commenti migliorano il blog. :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...