AVVISO


- AVVISO -

Si informano tutti i lettori e in particolare le case editrici e gli autori che il blog è attualmente "chiuso" per tutte le eventuali richieste di segnalazione e recensione.
Vi prego di rispettare tale decisione e quindi evitare mail con queste richieste.
La decisione è stata presa in modo da poter pubblicare tutte le segnalazioni/recensioni già in lista.
Grazie mille a tutti e buona permanenza nel blog. :)

22 gen 2017

Let's share: what i'm reading now


Buongiorno e buona domenica a tutti!^^
In questa giornata tranquilla e fredda ho cominciato a pentirmi di star trascurando il blog. Per questo ho deciso di fare una piccola modifica ad una rubrica che ogni tanto aggiorno.



Ho deciso che anziché mettere insieme tre estratti sarebbe stato mettere, ogni tanto, uno dei tre. (ciò che ho letto, ciò che sto leggendo e ciò che leggerò)
Che ne pensate? Era meglio prima?
Non so, forse perchè io non adoro i post troppo lunghi..

Comuuuuunque.
L'estratto che vi proporrò oggi è tratto dal libro di Valentina D'Urbano - Il rumore dei tuoi passi

Si allontanò di qualche passo, respirò a fondo e tornò ad avvicinarsi. Godevo nello sfidare il suo autocontrollo, volevo vedere dov'era il punto di rottura, non mi interessava quanto e in che modo la cosa lo facesse soffrire.  
"Sei una vacca, fai schifo. Sei stata capace di farlo pure con quel ritardato di Karma". Sorrisi felice, finalmente potevo dirglielo. 
"Ma quello non era Karma. Era il suo gemello." 
Vidi i suoi occhi diventare più grandi, occupargli tutta la faccia, e vidi anche le mani tremare. Aveva capito perchè fra tanta gente avevo scelto proprio quello lì. Perchè aveva un gemello, esattamente come me. Qualcosa di estremamente duro finì con violenza contro il mio zigomo e mi girò la faccia. Sentii un rumore rimbombarmi dentro, come una bottiglia che veniva stappata, e subito il sangue cominciò a scendermi dal naso. Non dissi niente, non fiatai. Non gli avrei dato nessuna soddisfazione. Mi girai lentamente a guardarlo. Non cercai nemmeno di fermare il sangue che scendeva, lasciai che continuasse a colarmi dal naso fin nella bocca e sul mento. Ogni volta che ci incontravamo finiva così, a botte e sangue. Non eravamo fatti per vivere nello stesso posto. 

 Che ve ne pare? Questa scena è nuova anche per me, è poco più avanti di dove sono io. Però devo ammettere che questo libro mi sta piacendo, ha del potenziale. E voi? Cosa state leggendo?


Nessun commento:

Posta un commento

Ditemi cosa ne pensate, i vostri commenti migliorano il blog. :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...