09 feb 2016

Chemical Games: Equazione equatoriale degli abissi - Miriam Ciraolo » Recensione

Buongiorno a tutti, care anime volanti. ^^
Perchè volanti? Perchè ha a che fare con la recensione che vi propongo oggi.
Il libro di cui vi parlerò è un libro che mi è stato gentilmente inviato dall'autrice qualche mese fa (il mio solito ritardo in tutto) e che ieri ho avuto il piacere di terminare.


➳ Titolo: Equazione equatoriale degli abissi
➳ Serie: Chemical Games #1
➳ Autrice:  Miriam Ciraolo
➳ Casa editrice: Autopubblicato
➳ Pagine: 148
➳ Genere: Fantasy
➳ Anno di pubblicazione:  2015
➳ Prezzo: €10,80 cartaceo €0,99 kindle-ebook



➳ Trama

E se vi dicessero che la chimica è molto più di ciò che sembra? Grace questo non lo credeva possibile, o meglio, credeva che tutto ciò che riguardasse suo padre, il celebre scienziato Fernando Flores, dovesse essere censurato dalla sua esistenza. Ma quando tu stessa sei la chimica, non puoi nasconderti per sempre. 
Condurre elettricità è pericoloso, sopratutto se ignori le proprietà chimico fisiche dell’elemento di cui sei guardiana. D’altra parte anche Andrea Casale, un ragazzo di vent’anni, guardiano dell’ossigeno, non comprende fino in fondo l’importanza della sua natura, fin quando capisce che la chiave per sconfiggere la morte, risiede proprio in lui, nelle sue molecole di O2. 
Ma il mondo dei guardiani della materia non è così semplice, tra bene e male, tra elementi e capacità nascoste, tra grandi tecnologie e segreti della materia, un gruppo di scienziati all’avanguardia cospira all’insaputa del mondo. Anche l’umanità ha le sue gerarchie. I guardiani della materia sono tra noi e il loro elemento è un nome inciso sulla tavola periodica. Centodiciotto elementi, divisi in due schiere nemiche, saranno tutti in cerca dell’equazione che rivelerà ciò che si nasconde dietro la materia. Per decifrarla però, rimane solo un’incognita: il tassello mancante. 

Rame, ossigeno, oro, mercurio, carbonio, e tu? Quale elemento sei? 


➳ Recensione

Come vi ho detto poco fa avevo questo libro nella lista 'to-read' da tanto, troppo tempo.
Qualche giorno fa mi son decisa e l'ho preso in mano, non pensavo neanche avesse così poche pagine.

La storia è molto, molto, molto particolare rispetto alle solite storie fantasy.
Non avevo mai letto e/o sentito libri riguardanti una storia simile basata sulla chimica.
E devo ammettere che è stata una grande sorpresa.
La chimica è sempre vista come un qualcosa di noioso, pesante, invece in questo libro viene trattata in maniera perfetta.
Tra il complesso ed il basilare. 
Parlando di chimica è doveroso toccare il tasto dolente dei legami e delle reazioni, ed il libro non ci lascia sprovvisti in questo senso.
Ogni possibile reazione viene spiegata al lettore con i termini del mestiere senza, però, ricorrere a giri di parole difficili o altro. E' a portata di tutti.

Le vicende si alternano dai due protagonisti: Andrea e Grace.
Entrambi hanno delle particolarità nel loro organismo, particolarità che li rendono delle mine vaganti che tutti cercano.
Grace l'ho vista molto vulnerabile, facilmente condizionabile, un semplice discorso riuscirebbe a farle cambiare idea e farla passare dai buoni ai cattivi e viceversa.
E' una cosa che si nota soprattutto quando lei incontra Andrea che riesce a cambiare le sue idee.
Andrea, invece, sembra più sicuro di sè, come se riga dopo riga, stesse maturando. Sembra il personaggio dall'animo buono che, nonostante tutto, si metterebbe in gioco per chiunque.
E forse un po' è così, viste le vicende che però non vi descrivo, eheheheh.

La storia, fortunatamente, non ha buchi. Cioè, la narrazione scorre veloce senza intoppi, senza pause lunghe pagine e pagine dove magari si descrive solo il cielo la mattina.
E' un susseguirsi di azione-reazione che tiene il lettore con lo sguardo incollato alle pagine.

Nonostante ciò appena il libro si conclude ci rimani un po' male. Ti lascia lì, con la curiosità di saperne di più su tutto ciò che ancora rimane irrisolto.
E credo che questo fosse proprio lo scopo per cui l'autrice ha fatto questa scelta, invogliare il lettore a leggere anche i seguiti. Essendo una trilogia mancano ancora due libri all'appello.

Un piccolo 'difettuccio' è quello estetico della copertina. Sappiamo tutti che un libro non si giudica dalla copertina, è vero, ma anche l'occhio vuole la sua parte.
E quella copertina, a parer mio, non rende affatto giustizia alla storia che nasconde nelle sue pagine.



Voto: 4 frecce su 5
Vivamente consigliato, un bellissimo libro che scorre veloce.


Consigliato a.. chi ama le storie originali ma non troppo lente.
A chi piacciono serie come Divergent, per esempio.


➳ Angolo dell'autrice
Miriam Ciraolo vive a Messina. La sua passione primaria è l'arte e ritiene che i libri siano il vero 3D della mente, per questo motivo ama leggere e scrivere. Grafica, disegnatrice e blogger, con "La vera storia di Cupido" edito dalla Rosa dei Venti edizioni, ha realizzato il suo primo sogno da scrittrice. "Chemical Games" è la sua prima trilogia, una saga urban fantasy che ha ideato grazie al suo interesse per la tavola periodica e per gli elementi chimici.

L’autrice reputa il suo ultimo libro "Beauty and the Cyborg" la sua opera più luminosa.






xxxxxxxxxxxxxx

Che ve ne pare? Vi ho incuriosito almeno un po'?
Lo spero.^^
A presto!


2 commenti:

Ditemi cosa ne pensate, i vostri commenti migliorano il blog. :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...